DEGUSTAZIONE VINI

Ha riscosso grande successo la serie di degustazioni di vini, tenutesi per 5 lunedì negli ultimi due mesi, dove sono state presentate le cantine con le quali collaboriamo maggiormente, ognuna fiore all’occhiello della propria regione.

Con la partecipazione dalla nostra collaboratrice Chiara Lain, sommelier della sezione A.I.S. di Vicenza, è stata fatta una presentazione dettagliata di ogni cantina, con un successivo excursus  su diverse tipologie di vino, ognuna delle quali è stata spiegata e degustata.

Il percorso è iniziato il 25 marzo con la cantina St.Paul’s, al quinto posto della top ten delle circa 100 cantine dell’Alto Adige. Realtà in costante crescita qualitativa che fonda le sue radici nel Comune di Appiano dal 1907 dotata di una struttura che si sviluppa su quattro piani e garantisce una vinificazione gravitazionale.

A seguire il 15 aprile si è tenuta la presentazione con degustazione della cantina Dal Maso, altra realtà storica che nasce nel 1919 situata nel cuore della zona DOC di Gambellara (Vicenza), zona vocata per la garganega, vitigno autoctono a bacca bianca. La famiglia Dal Maso possiede ettari vitati anche nella zona dei Colli Berici tra Alonte e Lonigo dalla quale derivano vini rossi di pregio tra cui anche l’autoctono Tai Rosso.

Il 22 aprile è stata la volta della cantina abruzzese Zaccagnini che vanta diversi vitigni autoctoni come la passerina, il pecorino e l’eclettico Montepulciano d’Abruzzo. In degustazione presentato in versione rosè metodo charmat lungo, rosato (cerasuolo), base con la linea del tralcetto e più evoluto con Chronicon rosso.

Il 29 aprile si è tenuta la presentazione e degustazione della cantina Zonin che rappresenta il vigneto privato più vasto d’Italia con le sue tenute sparse su tutta la penisola e all’estero (Virginia, USA, per esempio) . E’ stato seguito un percorso enologico nelle regioni più vocate per la viticoltura dove risiedono le più importanti DOCG.

Il penultimo appuntamento ha visto protagonista la cantina veronese di Monte del Frà di proprietà della famiglia Bonomi. Casata che fonda le sue radici nella zona di Custoza ma possiede una tenuta anche in Valpolicella dalla quale ricava un amarone di grande prestigio.

Sarà la cantina trentina Cavit a concludere il precorso di degustazioni il prossimo 17 giugno 2013. Si tratta di una cooperativa che conta 4.500 viticoltori che rappresentano circa il 65% della produzione trentina. Vasta la scelta tra le tipologie di vini che comprende vitigni autoctoni e internazionali.

TOP